come funziona una startup

Come funziona una startup – Come funziona una startup? In Business Competence raggiungere un successo significa pensare subito a un nuovo progetto innovativo, reinvestendo sempre gli utili per rigenerare continuamente know-how interno e sviluppare di prodotti originali. Conosciamo quindi molto bene come funziona una startup, le difficoltà e i dubbi che possono nascere nei primi momenti. Ma ci sono anche tante soddisfazioni. Pensando a coloro che si domandano: ‘Come creare startup?’, ecco una breve guida per capire come funziona una startup.

Come funziona una startup – Sviluppa la tua idea

Tutto parte dalla pianificazione. Per capire come iniziare startup bisogna innanzitutto capire come cosa rende la startup efficace. Sviluppa una tua visione prendendo in considerazione i problemi e le esigenze altrui. Se riesci a dare una risposta a un problema più o meno comune, ecco che la tua startup troverà motivo e ragione di esistere.
I campi su cui muoversi sono molteplici: dai bisogni primari (come food, care e security) all’hobbistica, passando per il mondo degli animali domestici…
Oltre a ciò è necessario identificare la tua motivazione e lo scopo che ti guida. Perciò, comprendi bene la durata, quindi il valore nel tempo e l’importanza della startup ne lungo termine; l’affidabilità e la sua possibilità di difesa, la sua sostenibilità sia in termini di realizzazione che di mantenimento.

Come funziona una startup – Lo startupper ideale

Lo startupper ideale è una figura in grado di leggere e capire i fattori umani coinvolti nelle problematiche più diffuse, capace di proporre soluzioni sia in termini concettuali che pratici, costruendo sistemi tecnologici risolutivi e, allo stesso tempo, in grado di comunicarli efficacemente a coloro che soffrono dello stesso problema.

Come funziona una startup – Essere veloci

L’elemento della rapidità non è da sottovalutare quando ci rapportiamo con le startup. Il mercato odierno è davvero volubile, cambia molto velocemente e di conseguenza chi vuole entrarvi dovrà essere altrettanto bravo a seguirne i ritmi e i cambi di direzione. Bisogna saper reagire tempestivamente, adattando la propria idea.

Come funziona una startup – Essere determinati

Altrettanto importante è non lasciarsi scoraggiare, ma saper prendere gli ostacoli che si presenteranno come sfide e momenti di crescita. Non saranno pochi i momenti di sconforto e dubbio, ma è qui che bisogna concentrare i propri sforzi e alimentare la volontà di continuare e andare avanti.

Come funziona una startup – Essere creativo

Per avere successo è sicuramente indispensabile un po’ di fantasia e saper essere fuori le righe. Quello che in prima battuta appare assurdo o del tutto illogico, potrebbe rivelarsi un futuro grande trend. Non lasciarti scoraggiare dall’ipotesi di uscire dagli schemi: sapersi distinguere è un valore.

Come funziona una startup – Lavora in team

Le startup nascono spesso in gruppi piccoli. Questo perché gestire un progetto da zero implica prendere tante scelte su tanti aspetti e temi diversi, perciò mettere d’accordo tante teste può spesso essere impegnativo e rischia di mandare a monte l’idea di partenza.

Ma se un team troppo affollato può essere nocivo, anche una visione individualista può compromettere il corretto sviluppo del progetto, chiudendo possibili alternative vantaggiose e interessanti.

Circondati quindi di partner fidati, con un alto livello di motivazione, creatività, voglia di crescere e di contribuire al futuro aziendale. Il team deve essere composto da persone con attitudini eterogenee, esperienza sufficiente per muoversi nel settore commerciale, e altrettante per sviluppare idee connesse alla costruzione del prodotto, contribuendo al suo lancio sul mercato.

Come funziona una startup – Visualizza l’organizzazione del business

Ci sono tantissimi elementi che bisogna tenere in considerazione. Parti considerando:

  • la registrazione aziendale
  • a consulenza legale
  • il supporto contabile
  • un modello finanziario efficace e funzionale per le necessità della tua azienda
  • un modello formale con cui funzionerà la tua azienda
  • un modello di leadership

Come funziona una startup – Investimenti

Per essere operativa una startup richiede degli investimenti. Si parte generalmente da cifre contenute, ma, col crescere della startup, sarà necessario rivolgersi a fondi e investitori più grandi.
Anche qui si dovrà di volta in volta ripensare bene ai confini aziendali, chiarendo sempre le capacità della startup da esporre ai possibili investitori. In questo modo si affronterà con consapevolezza ogni nuova fase di sviluppo e crescita della startup.

Come funziona una startup – Esplora il mercato

Per avere successo è necessario comprendere il mercato e l’area in cui muoversi. Informati sulle caratteristiche specifiche della sfera aziendale, cerca quante nozioni possibili sul target, perché sono i consumatori il centro del tuo business.

Come funziona una startup – Calcola i rischi

È inutile girarci attorno: una strartup si porta dietro tanti rischi e difficoltà, ed è il motivo principale per cui in tanti si fermano allo stadio puramente concettuale. Ma non lasciarti scoraggiare. Analizza in maniera critica e razionale quelli che possono essere gli ostacoli:

Esiste un mercato per il prodotto che voglio proporre?

Esiste un target interessato potenzialmente e che sarebbe disposto a pagare per averlo?

Partendo da queste questioni sarà possibile decidere se è il caso di imbarcarsi per questa avventura.

Come funziona una startup – Identifica il tuo prodotto

A questo punto, lavoriamo più in profondità sull’idea e sul suo nucleo: identificare il prodotto significa definirne nel modo più preciso possibile le caratteristiche, i suoi effetti i termini di risoluzione di problemi e le ragioni per cui è giusto investirvi.
Se non riusciamo a trovarli noi in primis, non saranno certo in grado di farlo i clienti, e quindi l’idea cadrà senza seguito.

Come funziona una startup – I concorrenti

Quando prendiamo in analisi i diversi fattori di successo o insuccesso è importante guardarsi anche attorno e capire cosa è già stato fatto o quali realtà esistono che possono potenzialmente muoversi verso un prodotto simile al nostro. In particolar modo per quanto concerne l’industria e l’ambito IT, è molto facile che aziende già affermate adottino rapidamente soluzioni e proposte prima mai viste, con un’omologazione immediata e una perdita di visibilità e distintività da parte di chi si stava introducendo per la prima volta in questo mondo.

Di fronte a tutti questi dubbi, è consigliabile stendere un MVP: acronimo di Minimum Viable Product, è una versione iniziale del prodotto o servizio, che la startup distribuisce, includendo solo le caratteristiche minime al fine di raccogliere da subito i feedback dei clienti. In questo modo sarà più facile individuare e gestire le problematiche, con una spesa più ristretta.

Sviluppare un piano efficace ed esaustivo non è un’impresa facile. Business Competence è un media agency da oltre 10 anni, in grado di ascoltare le esigenze di ognuno, proponendo un piano su misura e personalizzato per dare vita al proprio progetto. Ti aiutiamo ad individuare gli strumenti e i tool necessari per concretizzare la tua idea. Raccontaci la tua esigenza e troveremo il giusto mix per iniziare la tua startup.

Contattaci

Credit img: Pixabay